Ricordi di nu vecchiu figghiolu

Quant’era bellu e tempi u me paisi,

tanti figghioli iocaumu nte strati,

i vecchiareddi davanti e porti seduti

da primavera a tutta l’estati

e quandu u ‘nvernu in seguitu rivava

ognunu u brascereddu si dumava

pa fridda sira chi si presentava.

 

U nonnu chi cuntava a filastrocca

e u niputeddu chi scutava a bucca aperta,

a mamma chi ferri chi faciva a maglia

po nonnu, po maritu e pa so figghia.

 

Cu vicinatu erumu na gran famigghia

cu nu rispettu ch’era na maravigghia.

Nto quartieri ndavia nu sulu furnu e

facinu u pani tutti i iorna a turnu,

ch’era bonu ndu pani fattu i casa

ieu mu ricordu megghiu d’ogni cosa.

 

A Natali ndi cogghimu a sira

i iocamu a tombola.. ancora ncera a lira.

Undi iru a finiri tutti sti belli cosi

ognunu ora si chiudi nte so casi.

 

Resta u ricordu i comu era i vecchi tempi

cu stu progressu ormai non c’è chiù nenti.

Poveri nui undi immu a finiri

i lavuramu ndavimu e partiri

per dari e figghi nu megghiu avveniri.

Paisi meu voliva ieu tornari,

ma chiddu chi ncera no pozzu chiù trovari.

 

Pasquale Palermiti

 

 

 

 

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Create a website or blog at WordPress.com

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: