O capu du governu – 1939

Nui simu barca fracita

E vui bonu timuni

Nui simu genti spratica

E vui santa raggiuni.

Sarria nu scornu

Vui mi siti leuni pe nu iornu.

Tutta la genti scifula

Sutta li vostri pedi,

Ogni nazioni debuli

Aiutu vi richiedi.

Ma vui marciati ntrepitu

Senza guardari arretu.

U mundu nteru

Vi ricanusci capu di l’imperu.

E tempi soi Caligula

Facia d’ogni culuri

Facia li scecchi giudici

Cavaddi senaturi,

Vui li faciti principi

O gran commendaturi

Però pensati

Mi li faciti tutti tesserati.

[…]

Quandu vui dati n’ordini

Non è parola vana

E casi, boschi e cresii

Restanu terra chiana.

Pe vui si po’ distruggiri

Puru na razza sana.

Pe li du mundi

L’ecu di li vostri ordini rispundi.

[…]

Ammenzu a chistu populu

Vui cumandati eternu

Vui siti fattu apposta

Pe capu di governu,

E tutti quanti preganu

Ca prestu u patreternu

Vi cerca aiutu

E ca vi chiama dda pe sostitutu.

(Fonte: “La poesia di Vincenzo De Angelis”, a cura di Vincenzo De Angelis Jr., Laruffa Editore)

Questa poesia, chiaramente polemica ed ironica verso Mussolini, fu scritta dal poeta calabrese Vincenzo De Angelis, originario di Brancaleone. Se vi è piaciuta questa poesia, cliccando Qui potete trovare il primo articolo per approfondire un pò della sua vita e delle sue attività in politica.

Antonino Zampaglione

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Create a website or blog at WordPress.com

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: