Populu di Ruccella ascolta a mia!

Con la fine della seconda guerra mondiale, il governo italiano decide di assegnare le terre ai contadini. Carlino con questa poesia esprime tutta la loro gioia e la sua ammirazione verso lo Stato italiano.

Populu di Ruccella pe’ favuri

arricchja un pocu e ascolta il mio parrari.

Lu cielu ndi l’apriu questi porturi

nc’etti li sensi a li boni cristiani:

nci pigghjaru la rroba a li baruni

la cunsegnaru ne li nostri mani.

Lu Ministeru di l’agricolturi

la misura pigghjau un ndi faci guali.

V’arraccumandu a bui lavuraturi

li soi paroli diviti pigghjari:

havi bisognu e chiama li perzuni,

lu servimu di cori e puntuali.

V’arraccumandu, me’ cari cuturi,

nommu firmati farzi li cambiali,

ca cu’ tradi la mamma faci arruri

e a mentri campa dibbeni non havi.

Cusì dicenu li vecchi perzuni

Menu di chijiu chi a la chiesa ‘on vaj:

quandu mori si leva in sepurturi

jani a lu postu soi cruci non havi,

di terra vidi un picculu serruni:

-Ccàni atterraru ‘na testa di cani?-

Vugnu l’attenti, mei cari cuturi,

la bandera si devi rispettari,

ca la bandera ndavi tri culuri

a munti Carvariu divi ventulari

e grida forti vittoria ed onuri,

libertà civirtà fidi cristiani.

Viva l’Italia e l’Enti sila puri,

l’uffici appressu a tutti li scrivani

e viva puru lu lavuraturi

ch’ha cacciatu li voschi e li sipali.

Ndavia allivari ‘nta certi serruni

Li curtivammi e adduventaru chjani:

caccia la mina cu li belli fjuri

canta la primavera adduvi vaj…

simu cuntenti assai tutti i cuturi

ch’arrobba di baruni è a nostri mani;

senz’u pagamu doventammi ‘gnuri

ma ancora non si sa comu ndi cadi.

Nui li mentimu li vili ‘mpavuri

A carchi vanda ndi porta la navi.

S’è postu bonu, tenimu ‘u timuni

Sinnò lu liberamu e cadi a mari.

Su anaffabeta e non conosciu l’uri,

li cosi non li pozzu giudicari,

si me’ mi dava li scritturi

Camagna e Turcu non avia a chi fari.

Questa è la verità, cari signuri,

li sensi e li cervelli l’aju sani.

Vugnu la destra, parola d’onuri,

cu lu cumpagnu i misuri pigghjavi;

carchi palora ch’on havi valuri,

mi lu diciti, ca pozzu cassari,

la conzu a modu vostru la canzuni

abbasta chi strati mi dunati chjani.

Viva l’Italia e cu detti li duni

e lu cumandu di veri italiani;

viva lu scutu e la cruci d’onuri,

puru l’autorità avanti mu vaj,

evviva puru lu lavuraturi

curtiva ‘a terra e ginisci lu pani.

Vui struditi l’inchjostru e nui i zappuni

Vidimu di ‘sti due cu’ pregiu ndavi:

ca si boliti mu jati ad Arduri

senza benzina a machina non vaj.

Vi fati persuasi, cari ‘gnuri,

ca nesci a crijatura e cerca pani?

mo’ la finisciu e non l’allongu cchjuni,

Diu mu ndi dassa cent’anni campari,

cu vinu bonu, carni e maccarruni

ndi facimu li nervi rimporzari.

 

Pietro Carlino

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

Create a website or blog at WordPress.com

Su ↑

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: